Crea sito

Cosa si intende per installazione di pannelli solari, requisiti richiesti ai fini della detraibilità, impianti assimilabili e parzialmente assimilabili, valore massimo della detrazione


COSA SI INTENDE PER INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI.
Per interventi di installazione di pannelli solari si intende l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università.

I fabbisogni soddisfatti con l’impianto di produzione di acqua calda possono riguardare non soltanto la sfera domestica o le esigenze produttive ma, più in generale, l’ambito commerciale, ricreativo o socio assistenziale. In pratica, possono accedere alla detrazione tutte le strutture che svolgono attività e servizi in cui è richiesta la produzione di acqua calda.


REQUISITI RICHIESTI AI FINI DELLA DETRAIBILITA’. Per l’asseverazione dell’intervento concernente l’installazione dei pannelli solari è richiesto:

  • un termine minimo di garanzia (fissato in cinque anni per i pannelli e i bollitori e in due anni per gli accessori e i componenti tecnici),
  • che i pannelli siano conformi alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976, certificati da un organismo di un Paese dell’Unione Europea e della Svizzera.
  • che l’installazione dei pannelli solari sia realizzata su edifici esistenti.


Per le spese effettuate dal 1° gennaio 2008 non occorre più presentare l'attestato di certificazione (o qualificazione) energetica.


IMPIANTI ASSIMILABILI AI PANNELLI SOLARI. Sulla base delle indicazioni tecniche fornite dall’Enea, sono assimilabili ai pannelli solari  i sistemi termodinamici a concentrazione solare utilizzati per la sola produzione di acqua calda. Pertanto, le spese sostenute per la loro installazione sono ammesse in detrazione.


IMPIANTI PARZIALMENTE ASSIMILABILI. Se si installa un sistema termodinamico finalizzato alla produzione combinata di energia elettrica e di energia termica, possono essere oggetto di detrazione solo le spese sostenute per la parte riferibile alla produzione di energia termica.

In questi casi, la quota di spesa detraibile può essere determinata in misura percentuale sulla base del rapporto tra l’energia termica prodotta e quella complessivamente sviluppata dall’impianto (risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 7 febbraio 2011, n. 12/E).


VALORE MASSIMO DETRAIBILE. Per tali interventi il valore massimo della detrazione fiscale è di 60.000 euro.


FONTE: Agenzia delle Entrate